piero buscaroli

1 articolo

“Dalla parte dei vinti. Memorie e verità del mio Novecento” di Piero Buscaroli – Editore Mondadori

Piero Buscaroli non si smentisce: si supera. Un libro che è un tesoro, un libro di testo,un libro che si esaurisce ad ogni ristampa

Nonostante sia trascorso più di mezzo secolo dal crollo del fascismo e dalla fine del secondo conflitto mondiale, siamo davvero convinti di sapere come andarono effettivamente le cose? Il tanto discusso dopoguerra italiano può considerarsi concluso? Piero Buscaroli, critico musicale, scrittore e giornalista non ne è affatto convinto e ha deciso di aprire la sua valigia di carte, documenti inediti e ricordi troppo a lungo taciuti per raccontarci il suo Novecento. Adolescente romagnolo con la passione per il pianoforte, assiste con stupore a fianco del padre Còrso, insigne latinista, al naufragio “non casuale” del 1943-45, che precipitò l’Italia in una spirale di guerra e violenze. L’interpretazione di eventi come la “congiura” del 25 luglio contro Mussolini, la dissoluzione militare e civile dell’8 settembre, l’occupazione tedesca e i “crimini dei vincitori” ci restituisce l’immagine di un Buscaroli “schierato a vita”, cittadino coatto di una “ex nazione”. Le sue “passeggiate fuori dalle solite strade della storiografia dominante” lo portano poi a visitare luoghi simbolo del Novecento come il Giappone e la Germania del dopoguerra, il Vietnam del 1966, la Praga del 1968, senza rinunciare agli incontri, che si susseguono in questi anni, con personaggi altrettanto significativi, da Ezra Pound a Dino Grandi, dall’ambasciatore giapponese Hidaka – l’ultima persona che ebbe un colloquio con Mussolini prima dell’arresto ordinato dal re – al dittatore portoghese Salazar.